Cippato essiccato

PIÙ RESA CON MENO SPESA.

TI SEI MAI FATTO CERTIFICARE
L’UMIDITÀ DEL CIPPATO CHE COMPRI ?

CR3 pone sul mercato un cippato di legno vergine lavorato, vagliato ed essiccato presso l’impianto di Pieve di Bono (TN). L’area interamente dedicata alla produzione di cippato di prima lavorazione è coperta e pavimentata in modo da garantire adeguato stoccaggio della materia prima, adeguati spazi per la movimentazione dei prodotti, sistema di essiccazione, vagliatura e stoccaggio del prodotto finito al coperto.

Per soddisfare le esigenze del cliente si produce ed immette sul mercato cippato di legno classe A1 e A2.
Tronchi e legna di prima lavorazione vengono trasformati in cippato di legno di alta qualità dal nostro cippatore HEM 561. Importante ed essenziale è la successiva fase di asciugatura nel nostro impianto di essiccazione e successivamente vagliato così da garantire il top della gamma.

L’impianto del cliente in questo modo avrà una resa calorica maggiore rispetto al cippato da segheria o tagliato in bosco e un notevole risparmio sul prezzo di acquisto del pellet, considerando anche i risparmi su un più lungo utilizzo della caldaia, minori manutenzioni e minori immissioni di fumi in atmosfera.

Sostenibilità ambientale del prodotto

Ogni produttore o distributore certificato deve garantire ed immettere in commercio un biocombustibile legnoso ottenuto da un ciclo produttivo in grado di generare un risparmio di emissioni di CO2 equivalente almeno pari al 70% rispetto a quello prodotto del gas naturale, a parità di energia producibile. tale valore viene garantito dal monitoraggio e controllo delle operazioni che portano all’ottenimento del prodotto.

Qualità del prodotto e del processo

I produttori e i distributori devono rispettare la qualità del prodotto certificata in classe A1+, A1, A2 o B, in conformità a quanto previsto dalla Norma ISO 17225.

La qualità del prodotto e del processo di produzione viene controllata attraverso verifiche periodiche dell’organismo di certificazione e attraverso un piano di controllo di qualità all’interno dell’azienda.

Tracciabilità e legalità

Lo schema prevede l’obbligo dell’adozione di un sistema di tracciabilità e di dovuta diligenza del materiale, come previsto dal Regolamento EUTR 995/2010 (Timber Regulation).

Il sistema di tracciabilità adottato dalla nostra azienda consente di identificare le diverse fasi del processo produttivo e i fattori di rischio che potrebbero influenzare la qualità del prodotto.

– LA TUA CALDAIA VIVE DI PIU’
– MENO EMISSIONI IN ATMOSFERA

Menu